Le priorità del P.N.F.D. 2016-19

Le priorità per la formazione per il triennio 2016-19 «sono definite a partire dai bisogni reali che si manifestano nel sistema educativo e dall’intersezione tra obiettivi prioritari nazionali, esigenze delle scuole e crescita professionale dei singoli operatori» (Nota MIUR 2915 del 15-09-2016).

Le aree a cui afferiscono tali priorità sono nove, così declinate  nel Piano Nazionale di Formazione del personale docente per il triennio 2016-2019:

  1. Autonomia organizzativa e didattica.
  2. Didattica per competenze, innovazione metodologica e competenze di base.
  3. Competenze digitali e nuovi ambienti per l’apprendimento.
  4. Competenze di lingua straniera.
  5. Inclusione e disabilità.
  6. Coesione sociale e prevenzione del disagio giovanile globale.
  7. Integrazione, competenze di cittadinanza e cittadinanza globale.
  8. Scuola e Lavoro.
  9. Valutazione e miglioramento. Il coinvolgimento di tutta la comunità scolastica.

Le priorità riguardano le azioni formative garantite dal MIUR e rappresentano delle “linee guida” per i piani formativi progettati a livello di Rete di Ambito e di Istituto, sulla base dei bisogni interni manifestati dai destinatari, prioritariamente i docenti, ma anche altri soggetti professionali  (dirigenti, figure di sistema, personale amministrativo) (Nota MIUR 2915 del 15-09-2016).